Posts

MIMA TUS MÚSCULOS DE LA POSTURA: DIAFRAGMA Y PSOAS

¿Sabes cómo influye el diafragma y el psoas en la actitud postural? ¿Y cómo podemos reducir su tensión postural a través de técnicas de ejercicio? Pues en esta ocasión Low Pressure Fitness ha contado con la colaboración del experto en Reeducación Postural Jordi García para contarnos como mimar el diafragma y el psoas.

 

El diafragma torácico y el psoas suelen ser un conjunto muscular olvidado a la hora de mejorar nuestra actitud corporal. Sin embargo, su relación física requiere de que se mimen el uno al otro, pues el estado del uno afecta al otro y viceversa.

 

¿CUÁLES SON ESTOS MÚSCULOS?

El primer a recordar es el  psoas. Su función en relación al control de la lordosis lumbar y el equilibrio de la pelvis es de sobra conocida.

El segundo músculo fundamental a rememorar es el diafragma. Si cerramos los ojos y alguien nos dice diafragma, la primera palabra que nos viene a la mente seguro que es, respiración. No hay duda que es el principal músculo de la respiración, ahora bien, ¿sólo es un simple pistón para facilitar la entrada y salida de aire del organismo? O por el contrario, ¿tiene alguna que otra función?

 

REPASO ANATÓMICO DEL PSOAS Y DEL DIAFRAGMA:

psoas-lpf

Psoas:

  • Origen/inserción lumbar: Apófisis transversas de todas las lumbares.
  • Recorrido: Desciende hacia la zona superior de la pierna.
  • Origen/inserción en la pierna: En el trocánter menor del fémur.

diafragma-lpf

Diafragma:

  • Origen/inserción periférica: En el apéndice xifoide del esternón.
  • Origen/inserción lateral: En los cartílagos de la cara interna de las de las últimas seis costillas.
  • Origen/inserción trasera: En la última vértebra torácica y primeras lumbares abrazando esta zona de la columna en forma de pilares en la cara anterior, el izquierdo, en las tres primeras vértebras y el derecho en los cuatro primeros cuerpos lumbares.

 

Si analizamos la descripción anatómica, observamos que ambos músculos comparten origen/inserción y fibras musculares en las primeras tres y cuatro lumbares según el lado que miremos. Vemos pues, que hay una relación anatómica indiscutible entre el psoas y el diafragma. Hasta me atrevería a decir, una relación de amor.

 

¿QUÉ RELACIÓN TIENEN CON LA ACTITUD CORPORAL?

Los pilares del diafragma tienen una función tónica íntimamente relacionada con la postura. Al estar en contacto con la columna lumbar deberán estar en equilibrio con toda la musculatura que interviene en la estabilidad vertebral, siendo uno de los implicados en lograr esta estabilidad.

 

Si por algún motivo, estos pilares diafragmáticos están acortados, tiran de las cúpulas diafragmáticas hacia abajo, reducen el espacio abdominal, aumenta la presión de esa zona, y consecuentemente desequilibran la columna vertebral.

 

Si es el psoas el que está acortado, éste tira de los pilares, los sobrecarga, se acortan y descienden las cúpulas del diafragma. A la vez que el acortamiento del psoas puede provocar un exceso de lordosis lumbar. En este caso tendríamos aumento de la presión y debilidad de musculatura posterior de la columna, así como una alteración en la musculatura interna y posterior de las piernas.

 

¿QUÉ NOS INTERESA?

Pues, necesitamos un diafragma lo suficientemente relajado y en sintonía con la porción lumbar del psoas, así ayudarán a un buen control de la columna lumbar y de la pelvis. Es un trabajo en el que están implicados otros protagonistas, pero centrándonos en estos dos músculos deberemos evitar su tensión.

 

¿CÓMO LO LOGRAMOS?

 

1) REDUCCIÓN DE LA ACTIVIDAD DEL SISTEMA NERVIOSO SIMPÁTICO:

El día a día, las situaciones estresantes, los problemas de distinta índole son una carga importante para nuestro sistema emocional y nuestro estado físico. Esto afecta a muchas estructuras del organismo que van desde el sistema inmune, al sistema intestinal y al sistema musculo-esquelético. Y efectivamente al tono del diafragma y a nuestra actitud postural.

 

Una buena estrategia inicial podría ser disponer de veinte o treinta minutos al día dedicados a la relajación y desconexión mental, con un buen trabajo respiratorio, bien sentados o tumbados boca arriba.

 

2)  PRÁCTICA DEL ESTIRAMIENTO MIOFASCIAL GLOBAL:

La presión de nuestra actividad y de nuestras emociones hace que tendamos a cerrar o acortar toda la musculatura anterior y a debilitar la posterior. A través de ejercicios de stretching (estiramiento) miofascial por cadenas miofasciales podemos ayudar a flexibilizar y equilibrar el tono postural de las mismas. La secuencia de ejercicios de Low Pressure Fitness, basado en técnicas estiramiento postural global con incidencia en el auto-crecimiento axial, puede ayudar a lograr una activación involuntaria de la musculatura profunda vertebral. Esto ayudará a que los músculos superficiales posteriores se vean descargados, liberados. Uno de los objetivos de la práctica de ejercicios de estiramiento miofascial global es abrir la cadena miofascial anterior ayudándonos con la acción de la gravedad que facilitará el trabajo de los músculos fásicos de la espalda.

 

Por otro lado, mantener la postura y centrarnos en la respiración nos permitirá incidir en toda la cadena muscular y respiratoria que une el diafragma con el psoas. Deberemos inhalar profundamente y exhalar poco a poco dejando que el aire salga libremente. La práctica en pared nos facilitará el mantenimiento de la pelvis en una posición neutra, de alinear la espalda y tener un soporte para la normalización del tono entre el psoas y los isquiotibiales.

 

estiramiento-miofascial-LPF

Ejercicios de estiramiento miofascial global de la Wall-Series de LPF.

¿CÓMO PODEMOS POTENCIAR EL EFECTO DEL ESTIRAMIENTO?

 

3) ACTIVACIÓN CINTURA ESCAPULAR Y ASPIRACIÓN DIAFRAGMÁTICA:

Este tercer punto puede combinarse a las posturas de estiramiento miofascial globales del hablábamos en el apartado anterior consiguiendo unos efectos mayores sobre la relación del psoas con el diafragma. Tanto la activación de la cintura escapular como la aspiración diafragmática (vacío abdominal) facilitan el estiramiento la cadena miofascial anterior y consecuente reequilibrio muscular en la zona posterior, sobre todo  a nivel dorsal y lumbar.

 

¿POR QUÉ LA IMPLICACIÓN ACTIVA DE LA CINTURA ESCAPULAR?

Cuando se separan las escápulas (abducción) se logra la contracción de los músculos serratos que a su vez están relacionados con la postura y tono postural del diafragma. Esta activación del serrato anterior logra un efecto automático e involuntario de relajación de las cúpulas del diafragma, es decir, ayuda a su aspiración produciendo una pequeña acción de estiramiento de los pilares diafragmáticos. Éstos a su vez estiran de las fibras del psoas.

 

decoaptación-lpf

Por tanto, la decoaptación escapular de forma activa lograr aumentar  ligeramente el espacio abdominal, reducir la presión en la zona y facilitar el reequilibrio de la musculatura implicada en el control lumbo-pélvico.

 

¿QUÉ EFECTOS TIENE LA ASPIRACIÓN DIAFRAGMÁTICA?

La aspiración diafragmática es la técnica respiratoria que consiste en elevar y abrir la caja torácica en apnea espiratoria. Esta técnica de vacío abdominal provoca un estiramiento del diafragma debido a que, como ya hemos visto, tiene inserciones costales. A su vez las cúpulas ascenderán ligeramente y provocarán el efecto de succión tensionando toda la faja abdominal. Al realizar esta acción provocamos un mayor trabajo de estiramiento de los pilares del diafragma y del psoas, que nos interesa en el caso que se encuentren acortados.

 

Estos dos puntos son principios técnicos fundamentales que siguen todos los ejercicios de Low Pressure Fitness. A continuación os presento un ejercicio de estiramiento miofascial global en pared (Wall-Series) de Low Pressure Fitness.

wall-series-lpf

Ejercicio Wall-Series LPF realizado en estiramiento miofascial global de la cadena posterior combinado con aspiración diafragmática para potenciar el efecto de estiramiento.

Concretamente, en este ejercicio estamos en una situación de auto-crecimiento axial, apertura de la cadena anterior, posición neutra de la pelvis con flexión dorsal de los pies. Mantenemos una decoaptación activa escapular y extensión de muñeca para incidir más en la tensión miofascial anterior de los brazos. Finalmente, en esta posición al expulsar todo el aire realizaremos una apertura costal en apnea espiratoria. Pruébalo de la mano de un entrenador especialista y cuéntanos tu experiencia!

 

Autor: Jordi García
Licenciado en Ciencias de la actividad física y el deporte, Postgraduado en psiconeuroinmunoendocrinología y entrenador de reeducación postural

LA ‘REVOLUZIONE’ DELL’ALLENAMENTO PER IL TUO PAVIMENTO PELVICO

Recentemente, Low Pressure Fitness, presentandosi come un metodo alternativo di esercizio terapeutico per il pavimento pelvico, ha creato una rivoluzione nell’ambito della salute delle donne. Fino ad ora, gli esercizi per la riabilitazione del pavimento pelvico sono stati le contrazioni muscolari conosciute popolarmente come esercizi di Kegel (Arnold Kegel, 1948).

 

Diversi analisi sistematiche di studi eseguiti sulla popolazione femminile in generale, si concludono che esiste un’evidenza sufficiente dell’efficacia degli esercizi Kegel come terapia per le disfunzioni del pavimento pelvico e dell’incontinenza urinaria. Gli esercizi di Kegel si eseguono con differenti tipi di contrazioni del muscolo elevatore dell’ano, principalmente per aumentare la sua forza muscolare, la consapevolezza e capacità di contrarre questi muscoli. L’attenzione viene data principalmente al sistema di sostegno attivo del pavimento pelvico che è, basicamente la componente muscolare. Tuttavia, per ottenere un equilibrio e flessibilità ottimale delle strutture pelviche, si deve dare attenzione all’altro sistema di sostegno del pavimento pelvico, ovvero quello passivo, specificamente il tessuto connettivo. L’allenamento per la riabilitazione di entrambi i sistemi sarà un fattore decisivo per mantenere la funzionalità adeguata del pavimento pelvico. Studi scientifici hanno evidenziato come la funzione del pavimento pelvico non è relazionata esclusivamente alla contrazione volontaria.

 

È importante ricordare che il pavimento pelvico fa parte del nostro core o centro di stabilità. Il core è composto dal diaframma (in alto), il pavimento pelvico (in basso), gli addominali (anteriormente) e i lombari (posteriormente). Questo insieme di muscoli lavora in modo sinergico per stabilizzare la colonna vertebrale ed aiutare nel meccanismo respiratorio. Uno squilibrio muscolare o eccesso di tono in qualsiasi parte del core può avere delle ripercussioni dirette su tutta la struttura.  In questo senso, il pavimento pelvico è coordinato in forma sinergica con il movimento respiratorio. La rieducazione dello schema respiratorio potrà aiutare a migliorare la nostra stabilizzazione centrale e allo stesso tempo migliorare la funzione del pavimento pelvico.

 

Due delle principali funzioni del pavimento pelvico sono la postura e la respirazione. Per questo motivo, si suggerisce che gli esercizi focalizzati nella rieducazione posturale e respiratoria, come gli esercizi di Low Pressure Fitness, possono essere uno strumento da contemplare nel miglioramento di entrambi i sistemi: passivo e attivo.

 

Low Pressure Fitness è un programma posturale e respiratorio i cui obiettivi principali sono la rieducazione degli schemi e della funzione respiratoria mentre si riequilibrano le tensioni posturali. Esso consiste in una estesa serie di tecniche respiratorie e tecniche di rieducazione posturale. Il programma di allenamento Low Pressure Fitness può essere integrato in modo semplice in una grande varietà di approcci terapeutici come per esempio, le patologie specifiche del pavimento pelvico. La semplice e meticolosa progressione nell’insegnamento degli esercizi è uno degli aspetti più apprezzati dai pazienti e che crea più costanza nelle sessioni.

 

Circa il 30% delle donne con qualche tipo di disfunzione pelvica sono incapaci di contrarre il pavimento pelvico e addirittura di identificarlo a livello propriocettivo. Come si può contrarre una zona muscolare considerata tabù socialmente che non è mai stata allenata dalla più tenera età?

 

Uno dei compiti principali della riabilitazione del pavimento pelvico è l’aumento della consapevolezza muscolare ed insegnare come isolare, rilassare e contrarre i muscoli del pavimento pelvico. Si è notato nella letteratura scientifica che la tecnica ipopressiva utilizzata nel Low Pressure Fitness può aiutare nella propriocezione locale del pavimento pelvico. In questo senso il seguente video ci illustra come la tecnica ipopressiva può aiutare ad aumentare la qualità della contrazione muscolare del pavimento pelvico.

 

 

Qui si osserva come si può utilizzare per migliorare il sistema di sostegno attivo. La combinazione di entrambi gli esercizi è una forma rivoluzionaria per migliorare la propriocezione e la forza muscolare del pavimento pelvico durante una manovra di trazione del componente mioconnettivo.

 

L’esercizio ipopressivo implica una tecnica respiratoria in cui si eleva la cassa toracica con i polmoni vuoti permettendo l’elevazione del diaframma e la conseguente suzione del tessuto addominopelvico. Questa manovra provoca una diminuzione della pressione pelvica e permette l’allungamento del tessuto connettivo del pavimento pelvico. Questo allungamento miofasciale, a sua volta comporta un aumento della elasticità, mobilità e vascolarizzazione locale. Tutti fattori che costituiscono uno degli obiettivi principali della terapia delle disfunzioni del pavimento pelvico. Alcuni studi clinici hanno ottenuti buoni risultati nel miglioramento dei sintomi di incontinenza urinaria applicando la tecnica ipopressiva.

 

In conclusione, mantenere un equilibrio fra le componenti fasciali e muscolari del pavimento pelvico è l’approccio più completo di trattamento del pavimento pelvico. Prossimamente Low Pressure Fitness lancerà il suo corso di specializzazione per professionisti della salute e del esercizio fisico: Pelvic Floor Fitness. Per ottenere la certificazione nella metodologia di allenamento LPF, consulta i nostri corsi di formazione in questo link.

 

Autrice:
D.ssa Tamara Rial

IMPARA I TRE ESERCIZI IPOPRESSIVI IMPRESCINDIBILI DURANTE IL POSTPARTO

La Asociación Española de Fisioterapeutas lo dice chiaramente “gli addominali da eseguire nel postparto immediato e posticipato saranno di tipo ipopressivo.

 

L’esercizio per eccellenza di tutte le neomamme è quello a “bassa pressione” o ipopressivo, soprattutto per il grande aiuto nel recupero della stabilità sia pelvica che della colonna vertebrale.

 

Durante il postparto si consiglia iniziare con esercizi a bassa pressione e impatto, come quelli del Low Pressure Fitness, e man mano che si recupera la funzionalità degli addominali, la colonna vertebrale e il pavimento pelvico si potrà aumentare l’intensità dell’allenamento.

 

Low Pressure Fitness è un programma di esercizi che perfeziona la tecnica ipopressiva e include esercizi di rieducazione posturale, miofasciale e respiratori per allenare tutti i muscoli in forma globale senza provocare gli aumenti indesiderati di pressione pelvica durante la fase del postparto. Infine, i due pilastri fondamentali del Low Pressure Fitness sono:

 

  1. L’allenamento POSTURALE

 

I suoi principi posturali si eseguono tenendo presente la “buona postura”. Allenare la postura comporterà l’attivazione della muscolatura profonda che aiuterà a stabilizzare sia la colonna vertebrale che gli addominali e il pavimento pelvico. È fondamentale recuperare la postura poiché ci sono molti squilibri e dolori lombari in seguito alla gravidanza. A sua volta questo miglioramento della postura provocherà un doppio effetto benefico: da una parte diminuisce la pressione sui visceri pelvici e, dall’altra, allena i muscoli lombo-pelvici, ovvero protegge l’addome e la schiena.

 

  1. La RESPIRAZIONE

 

Ricordare che gli addominali sono anche muscoli respiratori.  Nell’allenare la respirazione, si tonificano i muscoli profondi degli addominali che tende a perdere tono e sostegno durante la gravidanza. Si ritorna al suo ruolo di “corsetto” naturale dell’addome piano piano, da qui è che l’effetto si chiama effetto corsetto o effetto “pancia negativa” con Low Pressure Fitness.

 

In seguito, si spiegano i tre esercizi essenziali di Low Pressure Fitness da integrare nella routine di allenamento postparto:

 

  1. ATENA

In piedi, le gambe sono posizionate alla stessa distanza delle anche. Esegui un leggero piegamento delle gambe mantenendo il bacino in posizione neutrale senza sforzare un’eccessiva oscillazione del bacino. Allunga la colonna vertebrale come se ci fosse un libro appoggiato sul capo mantenendo lo sguardo in avanti. Mettere le braccia in leggera intra-rotazione come se si spingesse contro un muro immaginario. Esegui tre respirazioni toraciche profonde e lente. Inspira per tre secondi ed espellere l’aria in sei secondi. Al terzo ciclo respiratorio non riprendere aria. Trattenere la respirazione ed aprire la casa toracica progressivamente per 6 a 10 secondi (ricordare che il “risucchio” degli addominali avverrà solo se si espande ed eleva la cassa toracica. Ripetere questo processo respiratorio tre volte senza perdere l’impostazione posturale per l’intero esercizio.

 

atenea-low-pressure-fitness

 

  1. MAYA

Le ginocchia e gli avambracci sono appoggiati a terra o su un materassino. La coscia è verticale e perpendicolare al pavimento. Tirare in dentro il mento e, allungando la zona cervicale, flettere il capo in avanti come se si volesse nasconderlo fra le braccia o come se volesse avvicinare il mento al petto. Questa è la base fondamentale della flessione del collo di Low Pressure Fitness. Gli avambracci spingono con fermezza sul pavimento per mantenere i muscoli del cingolo scapoloomerale attivi e le scapole abdotte. Già in questa posizione si ottiene una sensazione molto gradevole di allungamento della schiena. Poi s’inspira in tre secondi e si espira in sei secondi, ripetendo il ciclo respiratorio in modo rilassato tre volte e all’ultima espirazione, senza prendere aria, aprire le coste. Cercare di mantenere l’apnea espiratoria per sei a dieci secondi, per poi ripetere il processo respiratorio tre volte. Questa respirazione e posizione provoca un vuoto addominale che diminuisce la pressione pelvica mentre allunga la schiena.

 maya-Low-pressure-fitness

 

  1. AFRODITE

Infine, mettersi a terra con la pancia in su, con le gambe flesse in modo che i talloni sono sotto le ginocchia. Allungare le braccia appoggiate a terra con il palmo delle mani verso l’alto. Le braccia si sforzano a spingere contro il pavimento mentre si allungano continuamente di più. Da questa posizione, inspirare per tre secondi ed espirare profondamente per sei secondi. Dopo tre cicli respiratori, eseguire un’apnea espiratoria con vuoto addominale ed elevare il bacino lentamente fino a creare una linea retta dalle ginocchia, bacino fino al petto. Mantenere il bacino sollevato per la durata dell’apnea. Nell’inspirare, abbassare il bacino lentamente durante l’espirazione. Nel scendere o elevare il bacino allungare la schiena e il bacino nella direzione indicata dalle ginocchia. Ripetere l’esercizio tre volte.

 afrodita-Low-pressure-fitness

 

 

Ricordare che per praticare qualsiasi esercizio fisico conviene seguire le istruzioni di un professionista qualificato e seguire un programma supervisionato. I professionisti della salute e dell’esercizio fisico specializzati nel programma Low Pressure Fitness ti aiuteranno ad adattare e consiglieranno quando potrai iniziare il tuo programma di recupero postparto. Tutti i professionisti certificati di tutti Paesi si trovano sul nostro direttorio di professionisti.

 

Se sei un professionista della salute o dell’esercizio fisico e desideri diventare specializzato nell’insegnamento dell’evoluzione delle tecniche ipopressive consultare tutti i nostri corsi di formazione in questo link.

 

Autore:
Tamara Rial (PhD)  

 

POSTURA PERFETTA CON LOW PRESSURE FITNESS

Gli esercizi ipopressivi fanno parte del Low Pressure Fitness, approccio globale all’allenamento che integra tecniche di postura e respirazione con particolare attenzione alla diminuzione della pressione intra-addominale per permettere l’allenamento en piena sicurezza e la prevenzione di possibili conseguenze nocive provenienti da un’aumentata pressione sistemica.

 

Migliore Postura = Migliore gestione della pressione intra-addominale

Un deficit posturale e lombopelvica può provocare dolore e/o disfunzione del pavimento pelvico. Strategie meno che ottimali per la postura, per il movimento e/o per la respirazione potranno creare un trasferimento di carico che potrà essere causa di dolore, aumenti nella pressione intra-addominale e pelvica o disfunzioni respiratorie. Con le tecniche ipopressive, si può ri-programmare la postura ed eliminare cattive abitudini posturali. Gli esercizi coinvolgono azioni muscolari isometriche e eccentriche che generano l’allungamento globale della catena miofasciale posteriore, che include la catena respiratoria. La pratica regolare di esercizi ipopressivi ha come obiettivo la correzione delle attuali limitazioni miofasciali e migliora gli schemi respiratori.

La coordinazione dell’attività del diaframma, la colonna lombare, le pareti addominali e i muscoli del pavimento pelvico condizionano il controllo posturale regolando la pressione intra-addominale e aumentando la tensione nelle fasce toraco-lombari. L’allineamento corretto del bacino e la colonna lombare ha un effetto diretto sulla co-attivazione dei muscoli profondi del core. Un bacino retroflesso abitualmente è considerato causa dell’aumentato carico verticale sui muscoli del pavimento pelvico e aumentato rischio di debolezza per allungamenti da attività ripetitive che aumentano la pressione intra-addominale (la corsa, aerobica, crunches, sollevamento pesi, ecc.) Le prestazioni ipopressive influenzeranno direttamente i gruppi di muscoli stabilizzatori della colonna e delle pareti addominali, provvedendo allo sviluppo di una nuova struttura per il core. Attraverso linee guida specifiche per la ri-educazione globale della postura, i muscoli della rachide svilupperanno la resistenza muscolare locale sufficiente per eseguire attività fisiche mentre diminuisce il dolore alla schiena.

Piccole modifiche nel modo in cui ci alleniamo possono fare un’enorme differenza. Esercizi ipopressivi sono il nuovo paradigma per gli allenamenti del core, della postura e la respirazione. Questo allenamento intelligente sta rivoluzionando l’Europa e si allarga in tutto il mondo!!

 

LA RIABILITAZIONE DELL’INCONTINENZA URINARIA CON GLI ESERCIZI IPOPRESSIVI DOPO UNA PROSTATECTOMIA

Gli esercizi ipopressivi normalmente vengono usate dalle donne dopo la gravidanza per prevenire o trattare disfunzioni del pavimento pelvico come incontinenza urinaria o prolasso degli organi pelvici. Tuttavia, si conosce poco riguardo al trattamento dei problemi del pavimento pelvico nei maschi e i benefici che il programma di allenamento di Low Pressure Fitness può apportare…. specialmente dopo una prostatectomia radicale. Nel seguente articolo si approfondirà l’argomento della prostata, la riabilitazione dell’incontinenza urinaria quando la prostata è rimossa e l’evidenza rispetto agli esercizi ipopressivi attualmente disponibili.

 

Anzitutto … che cosa è la prostata?

La prostata è la ghiandola riproduttiva che produce il liquido che contiene e trasporta lo sperma durante l’eiaculazione. Questa ghiandola circonda l’uretra, il canale attraverso il quale le urine sono eliminate dal corpo. La prostata, quindi, fa parte del sistema riproduttivo maschile.

E’ approssimativamente della dimensione di una noce. Oltre a circondare l’uretra, produce il liquido responsabile per il trasporto dello sperma durante l’eiaculazione. In questo senso ha una doppia funzione.

 

Urinaria: permette il flusso delle urine dalla vescica.

  • Riproduzione sessuale: permette il flusso del seme

Con il passare del tempo, specialmente dopo i 50 anni, le dimensioni della prostata cominciano ad aumentare. Questo fenomeno si chiama “ipertrofia prostatica benigna”. Le dimensioni della prostata possono aumentare ma questa ipertrofia non è sinonimo di tumore, anche se è consigliato a tutti gli uomini di fare un controllo medico, annuale. L’espansione o crescita della prostata può ostruire altri organi vicini come l’uretra, provocando possibili problemi urinari o danni ai reni.

 

Allora… quali sono i problemi della prostata?

Questo aumento delle dimensioni della prostata provoca vari sintomi causati dall’ipertrofia prostatica benigna. Non è una malattia ma può influenzare la qualità della vita degli uomini. I sintomi più comuni sono:

  1. Minzione lenta
  2. Nicturia frequente
  3. Problemi inerenti allo svuotamento della vescica.
  4. Incontinenza urinaria di urgenza
  5. Incontinenza urinaria

Un altro problema comune è la prostatite, ovvero l’infiammazione della prostata. Alcuni dei sintomi più frequenti della prostatite sono:

Stanchezza
Febbre
Urinazione d’urgenza
Dolore durante la minzione

Purtroppo, un’altra patologia rilevante è il tumore alla prostata. Questa malattia normalmente non produce sintomi o, se ci sono dei sintomi, sono molto simili a quelli dell’ipertrofia prostatica. I sintomi del tumore alla prostata potrebbero apparire nei controlli periodici quando si trova il sangue nelle urine.

 

Prevenire è meglio di curare

Poiché l’aspettativa di vita è in aumento, si deve tenere conto del fatto che la miglior cura è la prevenzione. Oltre ai controlli medici annuali, seguire alcuni schemi di base per il mantenimento della buona salute, potrebbero essere essenziali alla prevenzione o anche alla terapia per problemi alla prostata. Ci sono terapie conservatrici opportune per i sintomi dell’Ipertrofia Prostatica Benigna che sono collegate alle abitudini dello stile di vita e le terapie fisioterapiche. In questo programma terapeutico, si evidenziano i seguenti aspetti:

  1. Alimentazione sana e equilibrata. Mangiare sano, con alto contenuto di verdure e meno carne e prodotti animali (collegate ai processi tumorali).
  2. Non fumare
  3. Allenamento dei muscoli del pavimento pelvico
  4. Partecipazione in programmi di allenamento fisico moderato come Low Pressure Fitness.

 

Perché Low Pressure Fitness può aiutare nella prevenzione di disfunzioni relative alla prostata?

La popolarità che Low Pressure Fitness attualmente sta raggiungendo in Europa è dovuta ai risultati ottimi ottenuti da centinaia di partecipanti in questo programma di allenamento. Molti professionisti sanitari, inclusi fisioterapisti, ostetriche e medici, stanno cominciando a consigliare Low Pressure Fitness quale programma di allenamento opportuno per persone con disfunzione prostatica. Altri tipi di allenamento che includono la corsa, salti e sollevamento di grossi carichi aumentano la pressione intra-addominale aumentando quindi la pressione sulla vescica e verso l’uretra. Questa compressione ha effetti negativi sulla prostata. Low Pressure Fitness agisce invece togliendo la pressione e congestione dalla prostata.  Questo è dovuto ad uno degli effetti principali di LPF, ovvero la decompressione viscerale provocata dalla forte aspirazione diaframmatica. Questo potrà essere di grande aiuto visto, per esempio, la pressione esercitata dalla prostata sulla vescica. Inoltre, con LPF i muscoli pelvici sono tonificati alleggerendo i sintomi della minzione di urgenza e svotamento della vescica.

Il fisioterapista specializzato in uro-ginecologia affronta le diverse terapie per le disfunzioni del pavimento pelvico sia in donne che in uomini. La riabilitazione dei muscoli del pavimento pelvico è fondamentale per affrontare queste disfunzioni.

In questo modo, usano una combinazione di strumenti come l’elettroterapia, biofeedback, allenamenti specifici per i muscoli perineali e, più recentemente, la tecnica ipopressiva usata nel programma di Low Pressure Fitness.

Gli esercizi ipopressivi sono un approccio innovativo all’allenamento per i muscoli del pavimento pelvico. Sono esercizi posturali e respiratori che coinvolgono il muscolo trasverso dell’addome in coordinazione con il diaframma che diminuisce la pressione pelvica, causa della costrizione dell’uretra. Un altro beneficio della tecnica ipopressiva di LPF è l’aumento del flusso vascolare. La microcircolazione aumenta con l’aspirazione diaframmatica e questo, assieme allo sblocco della pelvi, è un fattore importante nella prevenzione di problemi alla prostata.

 

Evidenze cliniche per l’incontinenza urinaria maschile e Ipopressivi

Molti protocolli di riabilitazione clinica per pazienti dopo l’intervento chirurgico per il tumore alla prostata, hanno incluso esercizi ipopressivi nel con ottimi risultati. Ecco alcuni esempi:

Mallol-Badellino J., et al., (2015). Results of rehabilitation on quality of life and urinary incontinence severity after radical prostatectomy. Rehabilitación, 49(4), 210-215.

Scarpelini, P., Oliveira, A., Cabrinha, G. (2014). Protocolo de Ginástica Hipopressiva no tratamento da incontinencia urinária pós-prostatectomia: relato de caso. Revista Unilus Ensino e Pesquisa, 11(23), 90-95.

Serdá, B., Vesa, J., del Valler, A. & Monreal, P. (2010). Urinary Incontinence and prostate cancer: a rehabilitation program design. Actas Urol Esp, 24(6), 522-530.

Inoltre, è molto interessanti il protocollo dello studio proposta da Santa Mina et al. (2015) nel Journal BMC UROLOGY  “A pilot randomized trial of conventional versus advanced pelvic floor exercises to treat urinary incontinence after radical prostatectomy: a study protocol”.  

Insomma, c’è un aumento nell’interesse da parte degli urologi negli studi sugli esercizi ipopressivi e i suoi possibili effetti sull’incontinenza urinaria dopo la prostatectomia radicale. I risultati preliminari degli studi precedenti dimostrano che questo può essere un approccio innovativo per l’allenamento globale dei muscoli perineali e del core.

IL MIO GINECOLOGO MI HA CHIESTO SE FACEVO ESERCIZI PER IL PAVIMENTO PELVICO, E MI HA FATTO I COMPLIMENTI PER IL BUON STATO DELLA ZONA PERINEALE

Ho due figli di 5 e 3 anni. Dopo il parto del primo ho avuto un’ematoma dall’episiotomia che mi è stata praticata, per cui ho dovuto subire un intervento per eliminarlo e due mesi per cicatrizzare.

Faccio controlli ginecologici annualmente e durante l’ultimo controllo, dopo sei mesi circa di pratica degli esercizi addominali ipopressivi, il mio ginecologo mi ha chiesto se facevo esercizi per il pavimento pelvico, e mi ha fatto i complimenti per il buon stato della zona perineale, che, come potrete immaginare, dopo due parti e l’ematoma del primo, aveva molto sofferto.

“Si vede che hai cura di te!” mi ha detto.

Sono entusiasta di avere iniziato a praticare gli esercizi addominali ipopressivi, che hanno migliorato il mio pavimento pelvico, diminuito la circonferenza vita, tonificato i miei addominali (dopo i due parti era rimasto con un aspetto rilassato) e aiutato a correggere la mia postura. Vi consiglio di praticarli.

Raquel Moreno

Insegnante

CON QUESTO TIPO DI ALLENTAMENTO HO OTTENUTO RISULTATI SIA IN PISCINA CHE IN MARE

Mi chiamo Andreu e il mio primo contatto con gli ipopressivi è stato attraverso la pratica dell’apnea agonistica, con Apnea Vallés, (gruppo di allenamento dei soci dell’associazione Apnea Catalunya). In questo circolo, gli ipopressivi fanno parte del programma generale di allenamento.

Fin dall’inizio ho avuto un grande miglioramento, sia nel tono addominale che nei tempi di apnea. Ho deciso di chiedere a Juanma Molleja di preparare un programma personalizzato comprensivo di ipopressivi statici combinati a sessioni di ipopressivi dinamici e sessioni con “mask training” ovvero allenamenti con maschera.

Con questo tipo di allenamento ho ottenuto ottimi risultati sia in piscina che in mare, e sono riuscito a constatare, fra altri parametri, un aumento nel livello di ematocrito, aumento della capacità vitale polmonare e flessibilità toracica. Inoltre, sono riuscito a migliorare i miei tempi di apnea e di recupero così come ho migliorato l’adattamento del mio corpo nella profondità dell’acqua.

Tutto ciò è stato confermato dalle analisi e dalle prove mediche a cui sono sottoposto durante l’anno.

Andreu Corvillo

Apneista competitivo

Low Pressure Fitness present at “Rehabilitation for life”

The interest about the application of the Low Pressure Fitness in the prevention and rehabilitation of the pelvic floor dysfunctions led the School of Health of Viseu, inviting Eunice Moura, Low Pressure Fitness coach in Portugal for a lecture in the context of the 6th Congress ” Rehabilitation for life” on January 28, 2016.

“Rehabilitation in differentiated health care”  was the name chosen for the table of Eunice Moura and with a presence of a physician, a rehabilitation nurse from the Center of rehabilitation medicine in Alcoitão, and a rehabilitation nurse of the Garcia da Orta Hospital.

With an attentive and interested audience, the themes developed and clarified about Low Pressure Fitness aroused interest of some people who have shown curiosity in getting to do more training and increase knowledge of the Low Pressure Fitness technique in order to use it in their working environment to ensure better results  both in terms of the rehabilitation of the pelvic floor muscles, and globally, ensuring a better quality of life for patients.